martedì 15 dicembre 2015

Guadagnare con Forex & Future 15 dicembre 2015 FSH

Per gli irriducibili dei grafici questa è l'ultima ottava utile del 2015 per grattare anche gli ultimi tick dal mercato. Spero comunque che sia stata un'annata molto profittevole per te che mi segui, ma di questo avremo modo di parlarne in un altro momento.

Ovviamente, non serve che lo ricordi io, mercoledì avremo anche il fatidico incontro nel quale la Federal Reserve dovrebbe apportare un primo ritocco a rialzo dei tassi e potrebbe generare un terremoto sul mercato simile a quello dell'ultima conference della BCE.

Ciò detto, proviamo a dare una bussola a questi mercati strani di fine anno; intanto ieri il Crude Oil ha fatto un minimo a 34.48 ed io avevo detto nell'ultima analisi di avere target di fine movimento a 34.20, vediamo se adesso mette in atto un piccolo rimbalzo.

S&P500: come il DAX, anche questo strumento ieri ha fatto nuovi minimi, andando a tentare uno sfondamento di 1989 liv. max imp. prima di rimbalzare leggermente. Anche qui il True Direction è in divergenza rialzista ed in caso di rimbalzo il primo target è 2030 rotto il quale ci dirigeremo su 2051 A ribasso abbiamo un forte sbarramento 1989 da oltrepassare.


FIB: anche qui il discorso è lo stesso degli altri indici, True Direction in divergenza rialzista, ma qui abbiamo un target ribassista che non abbiamo ancora toccato, ovvero 20250 in estensione a 20012

EUR/USD: ieri abbiamo assistito ad una falsa rottura dei massimi fermatasi a 1.1077 a soli 12 pips da 1.1089 che avevo indicato giorni fa come target di fine movimento. Attenzione poichè per il momento 1.0975 liv. max imp. ha retto i prezzi e quindi rimane favorito il rialzo, anche se probabilmente adesso svilupperemo una congestione tra 1.0975 e 1.1080 In caso di proseguimento del rialzo il primo target è 1.1114

AUD/USD: il livello di max importanza 0.7151 ha fermato il ribasso innescando un buon rimbalzo che potrebbe arrivare su 0.73 ed in ultimo 0.7328 Se non siamo già LONG attendiamo un segnale valido prima di comprare, poichè c'è il rischio che si sviluppi nell'immediato una congestione sugli attuali livelli.

USD/CAD: tutti i target indicati venerdì sono stati presi ed ora i prezzi stanno consolidando tra 1.3710 e 1.3760 Prima di "longare" ancora attendiamo una rottura rialzista valida di questa congestione.

ENI: abbiamo chiuso il gap a 13.69 e fatto nuovi minimi a 13.21 Il nostro target di fine movimento è 13.15 da dove dobbiamo fare attenzione alla partenza di un potenziale rimbalzo.

ATTENZIONE: Rilascio di notizie ad Alto Impatto. 

Parola di trader istituzionale