martedì 19 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 19/02/2019


Partenza di ottava, con l'assenza del mercato statunitense chiuso per festività, che ha visto gli indici europei chiudere bene, con la sovraperformance del FTSE-MIB (come spesso avviene), mentre DAX, poco mosso, ha chiuso in marginale perdita.

Contemporaneamente Crude Oil si è mosso ancora a rialzo, prima di ritracciare, trovando una resistenza importante in area 56.47$ In caso di rottura di questo livello il target è 57.55$. Rialzo anche sull'oro, con il dollaro USA in discesa, e discesa anche per lo spread BTP-Bund.

venerdì 15 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 15/02/2019


Le borse europee, già deboli in mattinata, hanno ricevuto uno schiaffo dai dati americani ed in particolare dalle pessime vendite al dettaglio USA che hanno generato la long-candle ribassista corrispondente,

Intorno alle ore 14.30 con la pubblicazione del dato abbiamo visto attivarsi gli HFT che "leggono" i dati macro-economici, i quali livello dopo livello hanno alimentato un'importante movimento ribassista seppur temporalmente breve.

giovedì 14 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 14/02/2019


Continua la scia verde degli indici europei supportati anche dall'andamento dei prezzi del petrolio con Crude Oil che si è portato a lambire 55$. Buoni spunti anche sugli indici asiatici, un pò meno a Wall Street, invece FTSE-MIB continua a sovraperformare sul resto d'Europa.

EUR/USD punta nuovamente a rompere i minimi di novembre scorso e credo che il mese scorso questo cambio abbia visto il massimo almeno del primo semestre annuale.

DAX ha aperto ieri in gap-up colpendo immediatamente il target della mia strategia H1 che era anche un target H4, di seguito i prezzi hanno consolidato in area 11190 dove si trova il mio livello di media importanza.

mercoledì 13 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 13/02/2019


Continua il bel tempo sugli indici di borsa mondiali, ed anche Crude Oil ha risposto con un bel rimbalzo tornando a testare la famosa resistenza a 54$. Questa inizia ad essere la risposta che volevo vedere che inizia a farci capire che probabilmente i minimi di Natale hanno formato un supporto che non verrà ritoccato per i prossimi mesi.

DAX ieri ha aperto con un ampio gap che ha portato i prezzi al livello che avevo indicato 11160 dove poi hanno consolidato per tutta la giornata, chiudendo vicino ai massimi. Pian piano tutti i timeframe stanno tornando rialzisti, al momento mancano all'appello H4, Weekly e Monthly.

martedì 12 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 12/02/2019


E' iniziata bene l'ottava in Europa con tutti gli indici in chiusura ampiamente positiva, mentre la situazione è decisamente contrastata a Wall Street. Ancora debole Crude Oil mentre EUR/USD sta facendo pressione sul margine basso della congestione e sembra dirigersi verso 1.1230

Nonostante ciò, lo sprint di ieri in Europa non è stato ancora convincente, come risposta alle forti vendite di giovedì scorso. che hanno fatto parlare di giovedì nero. Questa settimana, come anche le prossime ore dovrebbero essere fondamentali per capire se quello della scorsa ottava è stato un sano ritracciamento per riprendere il rimbalzo di medio termine oppure un segnale di debolezza e quindi d'inversione di medio termine.

venerdì 8 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 8/02/2019


Si può parlare di giovedì nero per le borse, gli orsi hanno fatto un colpo di mano lampo rendendo vana ogni reazione dei tori. I primi sono stati aiutati dai pessimi dati macro provenienti dai Paesi dell'Eurozona e dalle altrettanto preoccupanti proiezioni economiche dell'UE.

Sta di fatto che FIB è volato in giu del 2.6% annullando tre precedenti candele rialziste, mentre DAX vinceva tutti chiudendo a -2.7%. Anche tutti gli indici USA hanno chiuso tutti in rosso, seppur con perdite più contenute.

giovedì 7 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 7/02/2019


Ieri abbiamo visto tutti gli indici azionari occidentali chiudere in rosso, con l'eccezione del FTSE-MIB che continua a sovraperformare sugli altri indici europei. La candela daily ha avuto un bel rialzo segnando nuovi massimi relativi.

Al contempo EUR/USD ha rotto al ribasso 1.14 scendendo fino a 1.1360 I prezzi si stanno dirigendo ancora una volta a toccare il margine basso della congestione daily in corso. Crude Oil è sceso anche ieri a ritoccare 53$ prima di rimbalzare e chiudere leggermente sopra 54$.