martedì 19 giugno 2018

DAX Trading Strategy 19/6/2018


Vi avevo anticipato nei giorni scorsi che prevedevo tempi cupi per la Germania, ed infatti ci mancava Draghi giovedì scorso a dare spunto ai prezzi. Su DAX abbiamo visto i prezzi accelerare a rialzo fino in area 13200 per poi ricoprire completamente l'accelerazione nelle ultime due sedute.

Nervosa anche Wall Street che inizia a cedere dopo che Nasdaq ha toccato 7290 come vi avevo anticipato, e nervoso il petrolio che attende il vertice OPEC di giovedi. Nuovi spunti verranno anche dal simposio dei banchieri centrali in corso a Sintra durante la prima parte di settimana e dalla riunione di politica monetaria della Swiss National Bank.

venerdì 15 giugno 2018

DAX Trading Strategy 15/6/2018


Ieri Draghi ci ha confermato la fondatezza dell'indiscrezione che il board della BCE avrebbe parlato di scadenza del QE, anche andando oltre, ovvero annunciando la scadenza vera e propria a fine anno con la riduzione progressiva degli acquisti a partire da ottobre. 

Non sono un economista ma mi pare che il timing non sia proprio azzeccato considerando le tensioni del mercato sulla situazione politica italiana, i dazi di Trump ed inoltre la riduzione delle stime sul PIL 2018 tedesco da parte della Bundesbank. Forse Draghi vuole rinverdire i fasti del mai compianto Trichet?

giovedì 14 giugno 2018

DAX Trading Strategy 14/6/2018


Ieri sera la Federal Reserve ha alzato di un quarto di punto il tasso federale, come nelle attese, ma interessante è stata la conferenza di Powell nella quale il governatore ha sfoderato un FOMC falco annunciando 7 rialzi tra 2018 e 2019 quindi uno in più rispetto al previsto. Conseguentemente quest'anno vedremo altri due rialzi. Il comitato ha migliorato le stime sulla produzione industriale e l'occupazione, mentre si aspetta che l'inflazione resti stabile fino al 2020.

Il risultato immediato è un crollo del dollaro con relativo apprezzamento del cambio EUR/USD; indici anch'essi a ribasso ma che stanno timidamente tentando di reagire in attesa però della BCE.

mercoledì 13 giugno 2018

DAX Trading Strategy 13/6/2018


In queste prime ore di sessione stiamo vedendo FIB in scalata in solitaria, con i prezzi che stanno per testare gli ultimi massimi relativi in zona 22420 superati i quali dovrà scontrarsi con la MMMagic daily che transita a 22495

Forte accelerazione rialzista in questi minuti anche su EUR/USD, tutte manovre di aggiustamento in vista degli appuntamenti con le banche centrali e le scadenze tecniche di venerdì prossimo. 

martedì 12 giugno 2018

DAX Trading Strategy 12/6/2018


E' in corso l'incontro tra Trump e Kim a Singapore con la benedizione della Cina, quindi attenti a eventuali rumors che potrebbero arrivare nel corso della giornata. La situazione geopolitica è già abbastanza tesa dopo il risultato del vertice G7 in Canada, di settimana scorsa, con Trump che ha ritirato la firma dal comunicato finale congiunto tra i partecipanti ed ha brutalizzato il presidente canadese. La minaccia è di ulteriori dazi anche nei confronti dell'UE.

venerdì 8 giugno 2018

DAX Trading Strategy 8/6/2018


Situazione in evoluzione con Wall Street che preme a ribasso dopo i nuovi record del Nasdaq e cosi facendo trascina a ribasso anche l'Europa. FIB ha nel mirino gli ultimi minimi relativi del 29 maggio mentre DAX si è portato di nuovo sul livello di massima importanza 12610 che ha ancora una volta arginato la caduta (momentaneamente).

Oggi inizia il G7 in Canada e l'argomento che monopolizzerà il vertice sarà, ovviamente, quello dei dazi applicati dal presidente Trump anche all'Unione Europea, un aspetto di quella strategia con cui Trump sta cercando di mettere alle corde la Germania anche attraverso il sostegno al debito italiano e il boicottaggio del gasdotto Northstream2.

giovedì 7 giugno 2018

DAX Trading Strategy 7/6/2018


Nasdaq ha ancora aggiornato il massimo record dopo la falsa inversione ribassista di ieri che ha fatto entrare a ribasso i primi trader più aggressivi (o sprovveduti) per poi mandarli in stop-loss segnando un nuovo record. Adesso la spinta rialzista sembra un pò deteriorarsi ma è ancora presto per dirlo. Le prossime ore potrebbero darci le risposte che aspettiamo.

Questa mattina apertura in gap-up per FIB, sulla scia di Wall Street, con i prezzi che sono andati a testare il livello di massima importanza 22055 dal quale sono stati nuovamente respinti a ribasso ed adesso segnano -0.89%.