giovedì 18 aprile 2019

DAX Trading Strategy 18/04/2019


FIB ha superato i 22000 punti seguito da Nasdaq che ha fatto strike ai massimi di settembre/ottobre scorsi e DAX che ha tentato il superamento di 12200, al momento senza esito. 
Divergente la situazione su S&P500 e Crude Oil che hanno chiuso negativi, seppur in una fase di consolidamento.

DAX, nonostante gli indicatori tecnici in netta divergenza ribassista su Daily ed H1 ha continuato la salita, segno che ancora i grafici sono vittime degli algoritmi ad alta frequenza che si autoinnescano a catena generando accelerazioni flash a cui segue una fase di consolidamento.

mercoledì 17 aprile 2019

DAX Trading Strategy 17/04/2019


Indici USA sempre più vicini a doppiare i massimi di settembre/ottobre scorsi, con Nasdaq in vantaggio su tutti; mentre Crude Oil sta lottando coi massimi di novembre 2018 che sono anche il margine basso della congestione che ha intrappolato i prezzi per buona parte dello scorso anno, prima del crollo sotto 43$.

Oggi ci sarà il meeting dei Paesi dell'OPEC dove si discuterà anche dei tagli alla produzione, ma il dato più importante di giornata è il PIL cinese atteso a 6.3% mentre la precedente lettura era stata del 6.4%.

martedì 16 aprile 2019

DAX Trading Strategy 16/04/2019


L'ottava è iniziata con una seduta interlocutoria, con scostamenti minimi in chiusura sugli indici occidentali; neanche le buone trimestrali USA sono riuscite a dare lo slancio a Wall Street. Anche Crude Oil ha continuato ad aggirarsi sul fulcro 64$ x barile.

A livello grafico, sui timeframe rilevanti, registriamo nuove evidenti divergenze ribassiste sugli indicatori, ma la positività non sembra avere grossi ostacoli, seppur i prezzi si trovino in una gabbia di lateralità.

venerdì 12 aprile 2019

DAX Trading Strategy 12/04/2019


La seduta di ieri è stata attendista visti i pochi dati significativi in pubblicazione, tra l'altro tutti usciti positivi. Ciò che notiamo è che mentre gli indici europei hanno chiuso tutti in positivo, a Wall Street hanno chiuso tutti in negativo; in scia anche Crude Oil che è ridisceso sotto 64$ x barile.

Ok, ma quale valenza dare alle chiusure di ieri che sono state fatte in una situazione di lateralita?
Sono da considerarsi un campanello d'allarme per gli indici europei per la ripresa del ritracciamento, oppure bisogna attendere maggiori conferme?

giovedì 11 aprile 2019

DAX Trading Strategy 11/04/2019


Draghi è apparso meno preoccupato sull'andamento dell'economia globale rispetto a quello che si aspettavano gli analisti. Ha dichiarato che c'è una frenata in corso ma comunque che le fondamenta della crescita rimangono solide.

Contemporanemante ha rifiutato di scendere nei dettagli dell'operazione di TLTRO3 rimandando al prossimo meeting, per dare tempo alla BCE di rilevare i parametri economici in base ai quali verrà strutturato lo strumento.

mercoledì 10 aprile 2019

DAX Trading Strategy 10/04/2019


L'altro ieri l'indice DowJones non mentiva, quando in controtendenza, rispetto ai colleghi, chiudeva la seduta in ribasso. Ieri infatti non si è salvato nessun indice in occidente, ed ancora una volta il peggiore è stato DAX che ha chiuso con una perdita leggermente inferiore al punto percentuale.

Con estrema probabilità è partito il ritracciamento che mi attendevo partisse dopo la conferenza di oggi del governatore Draghi, ma le dichiarazioni provenienti dagli USA hanno anticipato i tempi.

martedì 9 aprile 2019

DAX Trading Strategy 9/04/2019


Ottava iniziata debole per gli indici europei, con la solita eccezione di FTSE-MIB, che chiude positivamente grazie ad un colpo di reni negli ultimi minuti, Invece, come al solito il peggiore è stato DAX che ha messo a segno un -0.39%

Al momento in cui scrivo Wall Street non ha ancora chiuso ma, se S&P500 e Nasdaq procedono positivi, DowJones fa il bastian contrario perdendo lo 0.20%. Ma attenzione, perchè Crude Oil sta correndo ed ha messo la testa sopra 64$ x barile e punta il target daily a quota 66$.

venerdì 5 aprile 2019

DAX Trading Strategy 5/04/2019


Ieri sono continuate le salite sugli indici, senza soluzione di continuità; eccetto su Nasdaq e FIB, che comunque avevano sovraperformato negli ultimi tempi. Giù Crude Oil a ritestare 62$ x barile, ma senza mettere in crisi il trend rialzista.

Intanto sembra che le trattative tra Trump e la Cina sui dazi siano ad un ottimo punto ed il presidente USA sia in procinto di richiedere l'incontro decisivo con l'omologo cinese per la firma dell'accordo. Sembra che questo scenario innestatosi su un mercato che tradizionalmente da metà marzo a metà aprile è nervoso, abbia dato vita a questo rally rialzista che non conosce ostacoli.

giovedì 4 aprile 2019

DAX Trading Strategy 4/04/2019


Gli indici hanno archiviato un'altra seduta di forti rialzi dove ha nuovamente primeggiato DAX con una chiusura a +1.70%. Nuovi massimi di periodo anche per Crude Oil che ha toccato 63$xbarile prima di ritracciare per chiudere a 62 dollari e mezzo.

Da registrare anche il rimbalzo del cambio EUR/USD dopo il ritest dei minimi di marzo. I mercati rimangono euforici perchè reputano vicina la chiusura della querelle dazi tra USA e Cina e rimangono ciechi e sordi a tutti gli altri dati, come il rapporto ADP uscito nettamente inferiore alle attese e al dato precedente.

mercoledì 3 aprile 2019

DAX Trading Strategy 3/04/2019


Ieri abbiamo visto gli indici in Europa chiudere ancora con buoni rialzi, ad eccezione di FTSE-MIB che invece ha fatto gruppo con DowJones e S&P500 che hanno registrato chiusure ribassiste; al contrario di Nasdaq che ha seguito l'Europa.

Chiusura in pareggio invece per il cambio EUR/USD che durante la seduta è sceso sotto 1.12 mentre Crude Oil ha messo a segno un'altra seduta rialzista toccando 62 dollari e mezzo per barile. In salita anche lo spread BTP-Bund che è tornato in area 272bp.

martedì 2 aprile 2019

DAX Trading Strategy 2/04/2019


Aperture ieri in gap-up su tutti gli indici con accelerazioni a fare nuovi massimi relativi lasciando aperti i gap di apertura. Gli indici USA hanno quasi recuperato il ribasso del 22 marzo, anche se ieri il migliore è stato DAX che ha chiuso a +1.35%.

Anche FTSE-MIB ha accelerato chiudendo la sessione sopra quota 21500 in compagnia di Crude Oil che sta provando l'attacco a 62$ x barile. In controtendenza il cambio EUR/USD che sta mettendo alla prova il supporto 1.12 che separa i prezzi dal raggiungere i minimi del 7 marzo scorso.

venerdì 29 marzo 2019

DAX Trading Strategy 29/03/2019


Seduta difficile quella di ieri per FTSE-MIB chiusa in perdita di oltre mezzo punto percentuale mentre lo spread BTP-Bund si è riportato su 254 punti base. Il resto d'Europa si è mantenuto in laterale con chiusure non distanti dal prezzo di apertura.

Molto meglio ha fatto Wall Street, tutti gli indici hanno guadagnato oltre lo 0.70% infischiandosene del PIL trimestrale uscito a 2.2% contro previsioni del 2.4%. Il cambio EUR/USD è sceso ancora portandosi poco sopra 1.12

giovedì 28 marzo 2019

DAX Trading Strategy 28/03/2019


Ieri le parole di Draghi hanno avuto effetto positivo solo sulle quotazioni di FTSE-MIB, mentre gli inidici americani hanno chiuso tutti e tre in perdita; il peggiore Nasdaq che ha chiuso a -0.62%. In salita lo spread BTP-Bund ritornato in area 251.

Crude Oil rimane sostanzialmente stabile mentre continua la discesa del cambio EUR/USD con i prezzi ritornati in area 1.1250 Il PIL trimestrale statunitense che verrà pubblicato oggi alle 13.30 italiane potrà dare nuova birra a questa coppia.

mercoledì 27 marzo 2019

DAX Trading Strategy 27/03/2019


Ieri gli indici hanno trascorso una seduta perlopiù laterale, ma grazie alla fiducia dei tori nella seconda parte della giornata, i future occidentali hanno chiuso tutti con dei buoni rialzi. Ma, ciò detto, almeno per il momento, a Wall Street non sembra ancora che gli operatori siano così sicuri di mettersi alle spalle il ritracciamento della scorsa settimana, figuriamoci DAX.

Va anche detto però che queste ultime tre sedute del mese di marzo sono importanti per darci un segnale di cosa avverrà nel breve termine. Un 'accelerazione significherebbe nuovi massimi relativi nell'immediato, mentre una debolezza di fondo significherebbe per DAX l'andare a cercare nuovi minimi relativi, mentre negli USA il cedimento rimarrebbe comunque contenuto.

martedì 26 marzo 2019

DAX Trading Strategy 26/03/2019


Venerdì scorso, in chiusura di ottava abbiamo visto i future sugli indici svoltare a ribasso, mutando completamente il clima di breve termine. Così, anche la prima seduta della nuova ottava, ieri, si è chiusa generalmente a ribasso; il peggiore è stato Nikkei che ha perso più del 3%.

Se sugli indici americani e su FTSE-MIB registriamo un ritracciamento fisiologico, diciamo non eclatante, fatto dopo che Nasdaq ha toccato il target daily e FIB il target settimanale a 21350, lo stesso non può dirsi per DAX.

venerdì 22 marzo 2019


Ieri forti rialzi a Wall Street con chiusure sui massimi di giornata. Nasdaq ha toccato il mio target a 7455 superandolo ed ora il prossimo target è 7625 mentre S&P500 lo attendo a 2887, su Dow Jones invece non ho un segnale in corso.

Sugli indici europei non troviamo la stessa forza, fa eccezione FTSE-MIB, in quanto in questa fase sembrano portarsi a traino dell'America. Infatti sia gli indici dall'altro parte dell'oceano che FIB hanno svoltato il settimanale a rialzo mentre DAX potrebbe farlo nella chiusura d'ottava di oggi, vedremo.

giovedì 21 marzo 2019

DAX Trading Strategy 21/03/2019


Le comunicazioni di politica monetaria della Federal Reserve hanno sviluppato una forte volatilità, come era prevedibile per un appuntamento chiave e anche in funzione del periodo stagionale. A farne le spese principalmente dollaro che ha perso contro tutte le valute rivali ma anche Dow Jones e S&P500.

In controtendenza Nasdaq che vede nel mirino 7455, target del movimento daily, e anche Crude Oil che ha chiuso vicino ai massimi di periodo, appena sopra 60$.
Quindi dobbiamo vigilare su questa divergenza tra Crude Oil sui massimi di periodo e la debolezza registrata ieri dagli indici europei, eccezion fatta su FTSE-MIB.

mercoledì 20 marzo 2019

DAX Trading Strategy 20/03/2019


Ancora una seduta tutta verde per gli indici europei, quella di ieri, con FTSE-MIB che ha sfiorato ancora il punto percentuale di guadagno, chiudendo a +0.92% mentre il migliore è stato DAX con una chiusura a +1.12%; ma ancora molto deve recuperare dall'indice italiano.

Indici di Wall Street invece in chiusura ribassista, fatta eccezione per Nasdaq che ha chiuso praticamente in parità, alla vigilia della decisione di politica monetaria della Federal Reserve. Mentre in Europa a sorprendere è stato l'indicatore ZEW Economic Sentiment tedesco che ha battuto nettamente le previsioni.

martedì 19 marzo 2019

DAX Trading Strategy 19/03/2019


Inizio di ottava sprintoso per tutti gli indici occidentali, ma ancora di più per il solito FTSE-MIB che ha ancora sovraperformato chiudendo appena sotto l'1% di guadagno, con lo spread BTP-Bund in forte discesa.

Invece DAX, in controtendenza, ha chiuso in ribasso dopo la conferma dei colloqui tra Deutsche Bank e CommerzBank per una futura M&A, praticamente un matrimonio tra cadaveri. Intanto il governo tedesco ha precisato che non parteciperà all'aumento di capitale da 15 miliardi dell'ex gigante bancario teutonico.

venerdì 15 marzo 2019

DAX Trading Strategy 15/03/2019


Dopo le forti accelerazioni di mercoledì scorso, ieri solo FIB ha continuato l'ascesa, continuando a sovraperformare su tutti gli altri indici, portandosi dietro solo CAC40; mentre DAX ha chiuso debole insieme agli USA.

Ieri il parlamento del Regno Unito ha votato per una richiesta di slittamento a giugno della Brexit e contro un nuovo referendum. La regina si pronunciò all'epoca per il LEAVE e sembra non aver cambiato idea.

giovedì 14 marzo 2019

DAX Trading Strategy 14/03/2019


Dopo la contrazione di volatilità vista l'altro ieri sugli indici di Wall Street, ieri abbiamo assistito ad un buon recupero in concomitanza alla rottura del livello di massima importanza 57.55$ da parte di Crude Oil che ormai è vicino al target daily che avevamo individuato a 59.17$.

Il parlamento britannico ha votato per uscire dall'Unione Europea con un accordo con la Commissione, quindi oggi è previsto un nuovo voto per la proroga della data di divorzio. E' stata fugata la paura degli operatori di una fuoriuscita no-deal.

mercoledì 13 marzo 2019

DAX Trading Strategy 13/03/2019


Seduta passata in congestione, ieri, per gli indici, e su quelli USA abbiamo visto anche dei range giornalieri ridotti dopo le forti accelerazioni rialziste di lunedì; tutti gli operatori erano in attesa del voto del parlamento britannico sull'accordo Brexit con l'Unione Europea.

Nasdaq e S&P500 hanno mantenuto e/o migliorato i massimi raggiunti nella seduta precedente mentre DowJones ha ceduto ad un ritracciamento che possiamo osservare in modo ancor più evidente su DAX e FIB.

martedì 12 marzo 2019

DAX Trading Strategy 12/03/2019


Gli indici azionari hanno aperto l'ottava in forte accelerazione rialzista, alla vigilia del voto del parlamento inglese sull'accordo Brexit. A svettare su tutti è stato Nasdaq con una chiusura di seduta sopra il 2%.

Se andiamo a scendere nei particolari, vedremo che i prezzi sono sostanzialmente rientrati all'interno della congestione che stavamo seguendo, recuperando gli storni delle ultime sedute della precedente ottava.

venerdì 8 marzo 2019

DAX Trading Strategy 8/03/2019

A causa di un problema tecnico di Youtube non mi è possibile ripostare la videoanalisi qui, la trovate direttamente sul canale cliccando QUI


Gli operatori hanno venduto la notizia del lancio di un nuovo TLTRO da parte della BCE. Questo perchè le condizioni saranno molto meno vantaggiose rispetto agli allentamenti precedenti ed inoltre contestualmente sono state ridotte le stime di crescita e d'inflazione, poichè l'istituto centrale teme il rallentamento dell'economia europea, cinese e globale.

E così, gli indici occidentali hanno subito una sventagliata di vendite, con Wall Street che ha accusato il colpo più delle altre, se si pensa che Nasdaq ha chiuso con una perdita superiore al 1% ma non è andata tanto meglio agli altri.

giovedì 7 marzo 2019

DAX Trading Strategy 7/03/2019


Chiusura pesante ieri a Wall Street, il peggiore Nasdaq che chiude a -0.93%, ma ha chiuso in ribasso anche l'Europa con la solita eccezione di FTSE-MIB che invece mette a segno un ottimo +0.65%.

E' ormai ovvio che la settimana scorsa i  mercati, soprattutto gli indici europei, hanno toccato target importanti ed ora stanno riprendendo fiato generando una fase di lateralità. Vedremo se oggi la conferenza di Draghi alle ore 14.30 riuscirà a sbloccare la situazione.

mercoledì 6 marzo 2019

DAX Trading Strategy 6/03/2019


Ieri è stata una giornata interlocutoria sugli indici di borsa, in attesa della BCE di domani  gli operatori stanno interpretando quale aspetto macroeconomico guiderà le borse per le prossime settimane.

EUR/USD ha continuato a scendere, complice il super-dollaro di queste ore, mentre Crude Oil lo vediamo ancora lateralizzare appena sotto 57.55$ livello di massima importanza.

martedì 5 marzo 2019

DAX Trading Strategy 5/03/2019


Pessima apertura di ottava a Wall Street con gli indici che chiudono in pesante perdita, il peggiore ieri è stato Dow Jones che ha chiuso in perdita di oltre un punto percentuale, replicato da DAX in Europa. Mentre il resto degli indici europei ha chiuso in ordine sparso.

Ribasso importante anche per EUR/USD che si è spinto a ritestare 1.13; mentre si è mosso in controtendenza Crude Oil che ha chiuso in area 56.60$ dopo aver rimbalzato sopra 57$ grazie alle buone notizie che giungono dalle trattative di accordo sui dazi tra USA e Cina.

venerdì 1 marzo 2019

DAX Trading Strategy 1/03/2019


Gli indici europei archiviano l'ultima seduta di febbraio a rialzo, ed ancora una volta svetta FTSE-MIB su tutti con +0.78%. Invece negli Stati Uniti riesce a difendersi solo Nasdaq che comunque chiude in ribasso marginale. 

Nelle ultime sedute gli indici americani stanno dimostrando una certa debolezza, intendiamoci, nulla di allarmante, ma meglio continuare a monitorare vista anche la situazione del future VIX, con i prezzi che vanno in direzione dei minimi.

giovedì 28 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 28/02/2019


Come spesso accade, quella di mercoledì è stata una seduta interlocutoria. Gli indici europei si trovano in una fase di congestione ed hanno chiuso tutti in rosso ad eccezione di FTSE-MIB che continua a sovraperformare.

I prezzi hanno rotto la resistenza in area 20490 e vanno verso il prossimo target in area 20668. Crude Oil ha recuperato tutto il ritracciamento determinato dalle esternazioni di Trump ed è tornato a testare nuovamente 57.55$.

mercoledì 27 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 27/02/2019


Ieri i buoni dati macro arrivati dagli USA, insieme con la testimonianza di Powell alla Commissione Bancaria del Senato hanno dato nuova linfa agli indici europei che hanno tutti chiuso con buoni rialzi, ad eccezione del FTSE100 che soffre la confusione sulla Brexit.

Ne ha beneficiato anche il cambio EUR/USD che si è riportato su quota 1.14 sulla mezzeria della congestione daily che dura ormai da novembre scorso. Vedremo se la BCE il prossimo 7 marzo riuscirà a dare una scossa alla situazione.

martedì 26 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 26/02/2019


Apertura di ottava con un bel gap-up per gli indici di borsa, come reazione alla tregua dei dazi siglata tra Stati Uniti e Cina, con lo Shangai Composite che ha chiuso addirittura a +5.6%. Le due potenze economiche hanno deciso di rimandare gli aumenti delle tariffe estendendo i tempi per trovare un accordo finale.

L'accelerazione di ieri ha fatto in modo che tutti gli indici occidentali hanno recuperato l'affondo di dicembre scorso, ma FTSE-MIB si è portato anche oltre recuperando i 2/3 della discesa partita a fine ottobre scorso.

venerdì 22 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 22/02/2019


Chiusura in negativo per tutti gli indici, il più pesante è stato FIB che ha perso lo 0.47% e sta formando un consolidamento appena sopra la MM200 esponenziale. 
In sostanza non è stata nulla di più che una seduta di pausa, in quanto se i mercati fossero davvero stati deboli, avremmo visto una bella caduta in risposta ai pessimi dati USA sugli ordinativi di beni durevoli e dall'Indice manifatturiero di Filadelfia.

Chiusura in rosso anche per Crude Oil che, come già accennato, ha sentito la resistenza del livello di massima importanza in area 57.55$ che lo separa dal target daily in area 58.30$.

giovedì 21 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 21/02/2019


I verbali del FOMC non hanno visto particolari reazioni sui prezzi degli indici che hanno chiuso tutti in positivo, tranne Nasdaq che ha pareggiato. Il migliore invece è stato DAX con +0.82% .

Da registrare che S&P500 e FIB hanno rotto resistenze importanti sul daily, ma ancor meglio ha fatto Crude Oil rompendo la resistenza in area 56.46$ ed ora si trova al test del livello di massima importanza a 57.55$ area che lo separa dal target a 58.30$.

mercoledì 20 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 20/02/2019


Ieri è stata una seduta difficile per gli indici europei che hanno sentito le resistenze con cui sono venuti a contatto, così come gli indici di Wall Street che hanno però chiuso con segno positivo. Positivi anche DAX e Crude Oil che ha vissuto una seduta molto volatile non riuscendo a superare la resistenza in area 56.46$.

A proposito di greggio, è spuntato fuori che Trump ha due dossier sulla sua scrivania, entrambi con appoggio bi-partisan che andrebbero a limitare la sovranità energetica degli altri Paesi mondiali. Uno di questi dossier è contro la Russia, l'altro contro Saudi Arabia. Vedremo se nei prossimi giorni perverranno ulteriori dettagli, nel frattempo limitiamo l'esposizione.

martedì 19 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 19/02/2019


Partenza di ottava, con l'assenza del mercato statunitense chiuso per festività, che ha visto gli indici europei chiudere bene, con la sovraperformance del FTSE-MIB (come spesso avviene), mentre DAX, poco mosso, ha chiuso in marginale perdita.

Contemporaneamente Crude Oil si è mosso ancora a rialzo, prima di ritracciare, trovando una resistenza importante in area 56.47$ In caso di rottura di questo livello il target è 57.55$. Rialzo anche sull'oro, con il dollaro USA in discesa, e discesa anche per lo spread BTP-Bund.

venerdì 15 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 15/02/2019


Le borse europee, già deboli in mattinata, hanno ricevuto uno schiaffo dai dati americani ed in particolare dalle pessime vendite al dettaglio USA che hanno generato la long-candle ribassista corrispondente,

Intorno alle ore 14.30 con la pubblicazione del dato abbiamo visto attivarsi gli HFT che "leggono" i dati macro-economici, i quali livello dopo livello hanno alimentato un'importante movimento ribassista seppur temporalmente breve.

giovedì 14 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 14/02/2019


Continua la scia verde degli indici europei supportati anche dall'andamento dei prezzi del petrolio con Crude Oil che si è portato a lambire 55$. Buoni spunti anche sugli indici asiatici, un pò meno a Wall Street, invece FTSE-MIB continua a sovraperformare sul resto d'Europa.

EUR/USD punta nuovamente a rompere i minimi di novembre scorso e credo che il mese scorso questo cambio abbia visto il massimo almeno del primo semestre annuale.

DAX ha aperto ieri in gap-up colpendo immediatamente il target della mia strategia H1 che era anche un target H4, di seguito i prezzi hanno consolidato in area 11190 dove si trova il mio livello di media importanza.

mercoledì 13 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 13/02/2019


Continua il bel tempo sugli indici di borsa mondiali, ed anche Crude Oil ha risposto con un bel rimbalzo tornando a testare la famosa resistenza a 54$. Questa inizia ad essere la risposta che volevo vedere che inizia a farci capire che probabilmente i minimi di Natale hanno formato un supporto che non verrà ritoccato per i prossimi mesi.

DAX ieri ha aperto con un ampio gap che ha portato i prezzi al livello che avevo indicato 11160 dove poi hanno consolidato per tutta la giornata, chiudendo vicino ai massimi. Pian piano tutti i timeframe stanno tornando rialzisti, al momento mancano all'appello H4, Weekly e Monthly.

martedì 12 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 12/02/2019


E' iniziata bene l'ottava in Europa con tutti gli indici in chiusura ampiamente positiva, mentre la situazione è decisamente contrastata a Wall Street. Ancora debole Crude Oil mentre EUR/USD sta facendo pressione sul margine basso della congestione e sembra dirigersi verso 1.1230

Nonostante ciò, lo sprint di ieri in Europa non è stato ancora convincente, come risposta alle forti vendite di giovedì scorso. che hanno fatto parlare di giovedì nero. Questa settimana, come anche le prossime ore dovrebbero essere fondamentali per capire se quello della scorsa ottava è stato un sano ritracciamento per riprendere il rimbalzo di medio termine oppure un segnale di debolezza e quindi d'inversione di medio termine.

venerdì 8 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 8/02/2019


Si può parlare di giovedì nero per le borse, gli orsi hanno fatto un colpo di mano lampo rendendo vana ogni reazione dei tori. I primi sono stati aiutati dai pessimi dati macro provenienti dai Paesi dell'Eurozona e dalle altrettanto preoccupanti proiezioni economiche dell'UE.

Sta di fatto che FIB è volato in giu del 2.6% annullando tre precedenti candele rialziste, mentre DAX vinceva tutti chiudendo a -2.7%. Anche tutti gli indici USA hanno chiuso tutti in rosso, seppur con perdite più contenute.

giovedì 7 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 7/02/2019


Ieri abbiamo visto tutti gli indici azionari occidentali chiudere in rosso, con l'eccezione del FTSE-MIB che continua a sovraperformare sugli altri indici europei. La candela daily ha avuto un bel rialzo segnando nuovi massimi relativi.

Al contempo EUR/USD ha rotto al ribasso 1.14 scendendo fino a 1.1360 I prezzi si stanno dirigendo ancora una volta a toccare il margine basso della congestione daily in corso. Crude Oil è sceso anche ieri a ritoccare 53$ prima di rimbalzare e chiudere leggermente sopra 54$.

mercoledì 6 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 6/02/2019


Ieri tutti gli indici azionari, ad eccezione di Nikkei, hanno chiuso con buoni rialzi, mentre EUR/USD scendeva nuovamente su 1.14 confermando l'andamento laterale.

In sostanza, gli indici di Wall Street hanno confermato la rottura delle resistenze di cui parlavamo nelle scorse sedute, mentre gli indici europei hanno ripreso slancio per concludere l'ultima parte del trend rialzista in atto.

martedì 5 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 5/02/2019


Gli indici europei hanno aperto l'ottava ancora senza smalto, hanno chiuso la prima seduta leggermente in positivo solo grazie al traino degli indici statunitensi, che hanno rotto gli ultimi massimi e chiuso la seduta sopra gli stessi.

Le forze continuano ad eguagliarsi, i ribassi intraday vengono recuperati ed alla fine si chiude sempre con un nulla di fatto, se si fa eccezione sul FIB che sappiamo rispondere ad altre logiche peculiari.

venerdì 1 febbraio 2019

DAX Trading Strategy 1/02/2019


Borse abbastanza deboli alla vigilia del dato sui Non-Farm-Payrolls, soprattutto in Europa dove i future sugli indici hanno avuto chiusure contrastate con FIB e DAX in negativo. Ribasso che comunque non spaventa e non mette in crisi lo scenario di fondo che rimane rialzista.

I future sugli indici di Wall Street invece hanno fatto nuovi massimi relativi andando a rottura di resistenze abbastanza forti, segno che gli operatori hanno preso fiducia sull'operato futuro della Fed dopo le parole di Powell.

giovedì 31 gennaio 2019

DAX Trading Strategy 31/01/2019


Come era nelle attese, il FOMC ha lasciato il tasso invariato ed abbiamo sentito un Powell molto colomba. Il succo del discorso è che la Fed ha preso atto del mutato scenario economico-finanziario, anche come conseguenza della Brexit, del rallentamento dell'economia cinese e dello shutdown e quindi monitora da vicino i mercati ed è pronta anche ad interrompere la strada della riduzione di bilancio.

A seguito di ciò, gli indici americani hanno chiuso in netto rialzo. Il migliore è stato Nasdaq con una chiusura a +2.68% e tutti e tre gli indici hanno rotto a rialzo la fase di consolidamento. Invece, gli unici indici azionari a chiudere in rosso sono stati Nikkei e DAX, seppur quest'ultimo per un'unghia.

mercoledì 30 gennaio 2019

DAX Trading Strategy 30/01/2019


Crude Oil è in consolidamento sotto la resistenza 54$ da un pò di giorni ed oggi ha provato un nuovo attacco alla stessa, ma purtroppo senza esito. Questo ha portato DAX a fare una falsa accelerazione con la solita candela delle ore 16 ma alla fine ha chiuso in ribasso, in controtendenza rispetto agli altri indici europei. Da lì il lapsus all'inizio della videoanalisi quando sostituisco "gennaio" con "giugno" :-D

La chiusura è stata contrastata anche sugli indici nordamericani dove abbiamo visto S&P500 e DowJones a rialzo mentre Nasdaq ha chiuso al prezzo di apertura. Ovviamente gli operatori rimangono in attesa della decisione del FOMC di stasera, per la quale gli analisti prevedono che la banca centrale mantenga stabile il tasso federale.

martedì 29 gennaio 2019

DAX Trading Strategy 29/01/2019


Ieri giornata debole un pò su tutti i fronti, con gli indici europei che hanno chiuso in ordine sparso, mentre quelli americani ed il petrolio hanno chiuso in negativo. EUR/USD continua a tenersi fuori dai riflettori continuando a girare intorno a 1.14

Nella notte tra domenica e lunedì ho scritto nel gruppo Facebook che mi aspettavo ancora altre due candele verdi su DAX che avrebbero portato il prezzo su area 11500. In realtà, Draghi non è riuscito a dare nuova linfa alle borse per cui sul future tedesco abbiamo avuto una candela da nulla di fatto, come ho iniziato ad attendermi nel pomeriggio ed ho scritto nel gruppo Telegram riservato agli allievi, come vedi dallo screenshot qui sotto:

venerdì 25 gennaio 2019

DAX Trading Strategy 25/01/2019


Indici in Europa che hanno chiuso in positivo dopo la conferenza di Draghi che non ha detto nulla di nuovo, ribadendo che la BCE è pronta ad utilizzare tutti gli strumenti a sua disposizione in caso di necessità.

Invece abbiamo visto gli indici a Wall Street poco brillanti con chiusure sparse, degna di nota solo la chiusura di Nasdaq a +0.68%. Petrolio Crude Oil in rimbalzo verso 54$, teniamolo d'occhio in quanto, in questa fase, ci aiuta a percepire il clima sugli indici di borsa.

giovedì 24 gennaio 2019

DAX Trading Strategy 24/01/2019


Continuano a scarseggiare i volumi sul mercato ed i prezzi non riescono a prendere una decisione. Gli operatori rimangono in attesa del meeting del FOMC di fine mese, dal quale si aspettano una Federal Reserve maggiormente colomba.

Oggi alle ore 14.30 invece toccherà a Draghi estrarre il coniglio dal cilindro per tentare di rianimare i listini europei, le cui economie hanno già fornito ampi segnali di rallentamento. In mattinata avremo i PMI Flash Manifatturiero e Servizi di Francia, Germania, ed infine Eurozona.

mercoledì 23 gennaio 2019

DAX Trading Strategy 23/01/2019


Abbiamo visto ieri un'altra giornata con le vendite che hanno colpito gli indici azionari a livello globale, sia in Europa, che negli USA che in Asia; così come il petrolio. Infatti Crude Oil ha ritracciato da 54$ che avevamo individuato ieri come resistenza.

Il petrolio rimane sempre un ottimo benchmark per valutare i futuri movimenti degli indici di borsa. I dati arrivati in giornata, così come le esternazioni del Fondo monetario Internazionale hanno sicuramente contribuito a indebolire le borse che erano già alle prese con un ritracciamento tecnico.

martedì 22 gennaio 2019

DAX Trading Strategy 22/01/2019


Come mi attendevo, l'ottava è iniziata in ritracciamento per gli indici europei, con l'eccezione del FTSE100 di Londra. L'assenza dei volumi americani, in quanto Wall Street era chiusa per festività, hanno acuito la discesa. Chiusura in flessione anche per gli indici USA.

Diversamente, Crude Oil si è portato a ridosso di 54$, importante resistenza che in caso di rottura proietterebbe i prezzi verso 57.60$ livello di massima importanza.

lunedì 21 gennaio 2019

DAX Trading Strategy 21/01/2019


Edizione speciale del lunedì. Vi ricorderete come nelle ultime videoanalisi mettevo in guardia gli orsi da una possibile catastrofe in quanto mi aspettavo una bella accelerazione (per rivedere le videoanalisi vai sul mio canale youtube).

Nell'ultima videoanalisi avevo individuato quella che poteva essere la base di partenza del trend, suggerendo la giornata di venerdì come favorevole alla partenza del trend, grazie anche al magnete tra FH centrali.

venerdì 18 gennaio 2019

DAX Trading Strategy 18/01/2019


Continuiamo a non vedere una spinta vera e propria sui mercati, ma la buona notizia è che gli indici americani hanno rotto le resistenze di cui parlavamo ieri ed ora è fondamentale una conferma per mettere definitivamente alle spalle il periodo negativo natalizio.

In Europa DAX rimane l'indice più debole. Si è limitato a consolidare appena sopra i minimi di Natale e quindi è momentaneamente in ritardo rispetto agli altri indici ed in particolare a FIB.

giovedì 17 gennaio 2019

DAX Trading Strategy 17/01/2019



Continua a prevalere il bel tempo sull'azionario, con le big bank USA che hanno comunicato profitti record; unico rosso lo troviamo sul Nikkei che ha chiuso a -0.55%.

Nel giorno in cui l'esecutivo May ha incassato nuovamente la fiducia, come era previsto, anche se con pochi voti di scarto, abbiamo visto il reparto bancario italiano in rimbalzo, ma notiamo anche una restrizione del range di spostamento giornaliero sugli indici europei. Probabile segno di un'accelerazione imminente.

mercoledì 16 gennaio 2019

DAX Trading Strategy 16/01/2019


Ieri il parlamento del Regno Unito si è espresso sulla bozza di accordo Brexit, con una bocciatura, come era facilmente prevedibile, ed il leader dell'opposizione ha chiesto il voto di sfiducia del Primo Ministro May.

Il voto dovrebbe tenersi nella giornata di oggi e le probabilità sono a favore della May che dovrebbe conservare il suo posto per tornare in UE a trattare un migliore accordo, oppure si avrà una fuoriuscita senza accordo quindi si seguiranno i dettami dell'Organizzazione Mondiale del Commercio.

martedì 15 gennaio 2019

DAX Trading Strategy 15/01/2019


Questa è la settimana del voto del parlamento del Regno Unito sull'accordo sulla Brexit (in programma oggi) ma anche delle trimestrali delle maggiori imprese USA, comprese le big bank, che ci daranno un pò la misura dello stato di salute della prima potenza mondiale.

La pressione sugli indici di borsa rimane ancora sostanzialmente rialzista, con i prezzi che stanno consolidando appena sotto i massimi del rimbalzo dai minimi di Natale.

venerdì 11 gennaio 2019

DAX Trading Strategy 11/01/2019


Inizia a leggersi terrore negli occhi degli orsi, che magari hanno shortato i minimi di Natale "plagiati" dai big trader di Facebook che si dicevano sicuri che tutto sarebbe crollato, che gli Stati uniti era finiti, che la bolla era in procinto di scoppiare.

In realtà bastava guardare il movimento di febbraio 2018 per rendersi conto che, periodicamente le borse fanno dei ritracciamenti, anche profondi, per poi ricoprirli e firmare nuovi massimi. 

giovedì 10 gennaio 2019

DAX Trading Strategy 10/01/2019


Sugli indici di borsa mondiali continua a prevalere il momento positivo, con chiusure di seduta tutte in verde, ma la star del momento è il dollaro che sta perdendo contro tutte le dirette concorrenti e contro le commodity.

Il cambio EUR/USD è in forte accelerazione alle prese con la resistenza in area 1.1550 ed un forte rimbalzo lo vediamo anche su Crude Oil che ha recuperato quota 52$ x barile.

mercoledì 9 gennaio 2019

DAX Trading Strategy 9/01/2019


Continua il rimbalzo degli indici USA, ma ieri abbiamo visto anche tutta Europa con chiusure rialziste. Bene FTSE-MIB che si è riportato sopra 19000 punti, ricoprendo così buona parte della discesa di dicembre scorso.

Proseguono bene i colloqui sui dazi tra la delegazione USA e quella cinese, e così neanche il dato negativo JOLTS sui nuovi lavori è riuscito a indebolire il rimbalzo. Crude Oil sopra 50$ e GOLD sono l'ottima cornice di questi ultimi giorni.

martedì 8 gennaio 2019

DAX Trading Strategy 8/01/2019


Ieri sono tornati i volumi veri sui mercati e quindi anche noi torniamo a seguire le mosse delle mani forti ed a confrontarci con i grafici; ma soprattutto con noi stessi, la nostra emotività e la nostra pazienza di attendere il timing giusto per sferrare l'attacco.

La prima vera seduta del 2019, così possiamo definire quella di ieri 7 gennaio, si è conclusa con segno opposto tra le due sponde dell'oceano, eccezion fatta per il FTSE-MIB che ha seguito i colleghi americani stampando un bel + davanti alla percentuale di scostamento.

lunedì 7 gennaio 2019

2019 Si ricomincia!!


Carissimi amici,

il 2018 si è chiuso, per chi ha seguito le strategie di questo blog, pensate e lavorate sul timeframe H1, con un profitto di 2945 punti pari a 73625 Euro, superando il risultato dell'anno precedente che si era fermato a 2449 punti pari a 61225 Euro.

Al primo sguardo, ciò che balza subito agli occhi, confrontando i due risultati, è la costanza dei rendimenti. Ma se entriamo nel cuore dei dati in analisi, dobbiamo necessariamente fare un distinguo tra l'annata appena conclusa e quella che l'ha preceduta.